fastsecuyrtyr33

Raccontare Cuochi4Genova

È estremamente difficile associare qualcosa di piacevole a Genova 2001. Non c’è proprio verso. Dopo 12 anni, è nauseante anche doverne parlare, scrivere, raccontare. È nauseante sopratutto per chi in questi dodici anni l’ha fatto spesso, chi ha provato a raccattare i cocci senza pensare solo a come mettersi in salvo.

Quando abbiamo saputo della condanna di cassazione, il primo pensiero è stato un fragoroso crampo dietro alla nuca. La pelle dei condannati. Il secondo pensiero è stato un rigurgito rabbioso e sordo.
Tutti questi dodici anni di silenzi, abbandoni, dissociazioni, fughe, vigliaccheria, e revisionismi. Il terzo pensiero è andato ai soldi. Il tribunale esige sempre un tributo di soldi, oltre che a quello di sangue. E si devono tirare fuori questi soldi, almeno questa deve essere una questione collettiva, condivisa, urgente.

A questo punto associare qualcosa di piacevole all’argomento Genova 2001 era sempre più ostico. Andava fatto però, perché tirare avanti solo a forza di senso del dovere non funziona. Lo abbiamo sperimentato negli anni, ci vuole un po’ di piacevolezza anche, della soddisfazione magari.
Abbiamo pescato allora tra le cose che ci piace fare.
Una gran serata dance-hall, con chiusura all’alba, utenti-serpenti, fatica, stanchezza e postumi, sarebbe stata un grande classico, ma non era tra le cose che ci piaceva fare.
Abbiamo deciso di cucinare. Quattro cene, che poi son diventate cinque, curate e raffinate, tematiche e variegate.
La prima: menù genovese, avaro e a basso costo. Un dedalo di tavoli, cento persone che mentre mangiano il dessert ascoltano e dialogano con Supporto, si aggiornano sui processi, ragionano della propria Genova.
La seconda: menù toscanaccio. Centoventi-e-passa commensali, indisciplinati, rumorosi, ingordi. Fin quando Wu Ming 2 e Antar li riportano a un assorto ascolto delle letture di Timira.
La terza: menù mitteleuropeo con vodka finale a stordire un numero sempre maggiore di cenanti. Film di Banksy a chiudere, in bellezza.
La quarta: menù “le due americhe”. Una mangiata epica e una lunga milonga in maschera…e poi la quinta. Che dovrà ancora essere, perché il corso di TangoSognato ha deciso di aggiungersi ai cuochi e alla lista dei solidarizzanti attivi.

In un caso non c’è bastato il cibo, a volte c’è chi ha voluto pagare più del dovuto, spesso siamo stati costretti a ricacciare prenotati dell’ultimo minuto, ogni tanto ci siamo lanciati in prelibatezze insolite, tutte le volte abbiamo faticato come pazzi, riso come deficienti, imprecato contro gli allergici alle verdure color marrone opaco, scervellati nell’accogliere le orgogliose minoranze culinarie di ogni sorta. In nessun caso abbiamo pensato che la fatica non valesse la pena.

Non è stato e non sarà l’unico nostro contributo a Supporto Legale, ma senz’altro rimarrà per noi uno dei più memorabili.
Se la rivoluzione non è un pranzo di gala, la solidarietà e la condivisione possono essere almeno una gran cena godereccia.

Cuochi 4 Genova
NextEmerson
Firenze

Commenti chiusi.